riconoscimento - Gruppo di ricerca logonica

Vai ai contenuti

Menu principale:

riconoscimento

glossario
 

Nell'accezione operativa il riconoscimento presuppone la struttura costitutiva, nella quale  si pone una configurazione di rapporti che si possono ricostituire riconoscendoli sugli elementi presenziati; quindi in un rapporto nel tempo.
Per riconscere è fondamentale porre il rapporto fra ciò che si osserva e ciò che è stato precedentemente osservato in quanto si applica la struttura costitutiva a ciò che si osserva.
Il momento del riconoscimento dell'oggetto nell'osservazione comporta quindi il richiamo della struttura costitutiva (che viene sollecitata dal presenziato).
Il riconoscimento scaturisce perciò dal rapporto di corrispondenza fra la configurazione costitutiva e la configurazione presenziata.
Volendo riconoscere in un paesaggio dipinto in modo impressionista lo stesso luogo fotografato è quindi necessario che venga riconosciuto nel dipinto la stessa struttura costitutiva che è stata applicata alla foto.  (vedi foto)
Per configurazione si intende l'insieme degli elementi che compongono la struttura considerati unitariamente. E' fondamentale la consapevolezza che nell'osservare (e quindi nella conseguente formazione delle immagini) si stabilisce innanzi tutto un percorso come movimento dell'occhio in interazione col dinamismo attenzionale.
Il riconoscimento dell'immagine può essere: denotativo o con implicazioni estetiche (se interviene il simbolo, la metafora, l'istanza universalizzatrice).

   

Claude monet sul ponticello giapponese                   laghetto di ninfee Claude Monet 1900

Viollet collection                               

 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu